fisiologico radiologico gorle

ECOGRAFIA MORFOLOGICA (Ecografia del secondo trimestre, Fra la 19ÂŞ e la 23ÂŞ settimana)

centro medico mr


In questo esame viene visualizzata e descritta l’anatomia fetale, il corretto accrescimento del feto, la sede di impianto placentare e la quantità del liquido amniotico.
In questa fase si ha la migliore visualizzazione in rapporto allo sviluppo fetale, alle sue dimensioni e alla quantità di liquido amniotico. L’ecografia di primo livello è quella che viene eseguita di routine per identificare la maggior parte dei difetti a questo stadio evolutivo. A questa può far seguito, in caso vi siano le indicazioni, un’ecografia di secondo livello, per la quale è richiesta un'altissima e specifica preparazione.
Con il termine “ecografia morfologica di 2° livello” si intende un esame eseguito da un operatore altamente qualificato, con una strumentazione di elevata tecnologia, finalizzato soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali. 

L'esame viene eseguito per mezzo di una sonda adatta, posizionata sull'addome. Raramente può capitare che alcuni dettagli non siano chiari, in tal caso può essere necessario completare l'esame con un’indagine ecografica transvaginale che si esegue posizionando una sottile sonda ecografica all'interno della vagina.
Questa indagine comporta un minimo disagio, paragonabile a quello provocato da una visita ginecologica.  Il protocollo degli esami di secondo livello prevede un esame completo della morfologia del feto, che comprende il riscontro di tutti i dettagli anatomici indagabili per mezzo dell'ecografia.
L'elenco comprende: le strutture intracraniche, lo studio del volto, dell'apparato cardiovascolare, degli organi addominali, dell'estremitĂ  (dita comprese) e della colonna vertebrale.  L'esame morfologico consente di riconoscere circa il 90% di tutte le maggiori malformazioni.

I limiti principali riguardano i difetti di piccole dimensioni (come i piccoli difetti del setto interventricolare o interatriale del cuore), i difetti evolutivi e in generale la patologia ostruttiva del tratto gastroenterico.